Indice Z

Cos'è l'indice Z 1

L'indice Z è un attributo CSS che influisce sull'ordine di impilamento verticale dei componenti HTML sovrapposti, facendoli apparire più vicini all'osservatore.

Gli elementi con indice più alto sono sovrapposti a quelli con indice più basso. L'indice Z funziona con la maggior parte degli elementi posizionati, come ad esempio assoluto, relativo, fisso, appiccicoso ed ereditato. La proprietà position consente di modificare il posizionamento di un componente.

Perché usare l'indice Z?

I componenti possono sovrapporsi per diversi motivi, ad esempio quando il posizionamento relativo li fa passare sopra un altro, un bordo negativo ha trascinato il componente sopra un altro o quando un componente allineato si sovrappone.

I componenti si impilano nell'ordine in cui appaiono nel DOM, senza un valore di z-index. Gli elementi non statici appaiono sempre sopra il posizionamento statico predefinito. Anche l'annidamento svolge una funzione importante. Ad esempio, se il componente A si trova sul componente B, un elemento figlio del componente B non potrà mai essere più in alto del componente A.

Proprietà di posizione dell'indice Z

Diversi parametri di posizione determinano la scelta della strategia di posizionamento degli elementi da parte del web designer. La proprietà position deve essere definita per ogni oggetto che si vuole riposizionare con un indice z, e questo è uno dei motivi per cui l'indice z può essere complesso. 

Gli attributi top, bottom, right e left sono utilizzati per posizionare gli elementi. Le proprietà, tuttavia, non funzionano finché non viene impostata la proprietà position. Inoltre, in base al valore di position, le proprietà si comportano in modo diverso.

L'indice Z funziona con valori a sei posizioni, come già detto. Diamo un'occhiata a ciascuno di essi.

  1. Assoluto

L'elemento viene rimosso dal flusso del documento e gli altri elementi si comportano come se non ci fosse, con tutte le proprietà posizionali che lo riguardano.

  1. Relativo

La posizione originale di un elemento rimane nel flusso del documento, ma l'indice sinistra/destra/alto/basso/z funziona ora. Gli attributi posizionali indicano la posizione dell'elemento "spostato" in quella direzione.

  1. Fisso

L'elemento è posizionato rispetto al viewport dell'utente o alla finestra effettiva del browser; pertanto, lo scorrimento non ha alcun effetto.

  1. Appiccicoso

Il valore dell'elemento viene visto come relativo finché la posizione di scorrimento della finestra di visualizzazione non raggiunge una certa soglia. A questo punto, l'elemento assume una posizione fissa in cui viene istruito a rimanere.

  1. Ereditare

Poiché i valori di posizione non includono la cascata, possono essere utilizzati per costringerla a farlo e acquisire il valore di posizionamento del genitore.

Come utilizzare l'indice Z in Elementor?

In Elementor, è possibile utilizzare l'indice Z andando nel menu delle impostazioni avanzate di qualsiasi componente o elemento e fornendo un valore per esso. È un gioco da ragazzi!

Ricordate che se avete intenzione di utilizzare molti strati, dovrete tenere un registro di ciascun indice Z. È possibile progettare sezioni sovrapposte piuttosto complesse, come vedremo nella prossima sezione, ma sapere quale valore di indice Z viene assegnato a quale elemento rende le cose molto più semplici.

Conclusione

Spero che abbiate trovato una comprensione di base su come utilizzare l'indice Z per il vostro web design WordPress Elementor. Non dimenticate di contattarmi in caso di ulteriori domande. Inoltre, per conoscere gli articoli correlati sulle migliori pratiche di WordPress, le tecniche di risoluzione dei problemi e altri suggerimenti, visitate la pagina del nostro blog.

Tuttavia, noi di Seahawk Media offriamo il meglio di tutti i servizi per soddisfare le vostre esigenze di WordPress end-to-end. Contattateci o consultate la pagina del nostro blog per ulteriori approfondimenti.

ricerca organica
Glossario WordPress
Komal Bothra

Che cos'è la ricerca organica?

La ricerca organica è il processo di acquisizione di traffico verso il proprio sito web attraverso la ricerca non remunerata o

Komal Bothra 2 febbraio 2023

Caso di studio: Soluzioni tecnologiche Mabry

Mabry Tech è un'azienda specializzata nella consulenza e nello sviluppo di soluzioni innovative per le imprese. Mabry

Studio di caso
Komal Bothra 2 febbraio 2023

Dominio aggiuntivo

Un dominio aggiuntivo è un dominio secondario che si può aggiungere al proprio account di hosting. Addon

Glossario sull'hosting
Komal Bothra 2 febbraio 2023

Che cos'è la ricerca organica?

La ricerca organica è il processo di acquisizione di traffico verso il vostro sito web attraverso la ricerca non retribuita o "naturale".

Glossario WordPress

Iniziare con Seahawk

Registratevi nella nostra app per visualizzare i nostri prezzi e ottenere sconti.